Thursday, January 31, 2013

Wednesday, January 30, 2013

Libri per bambini 1. Nocedicocco Draghetto Avventuroso

Inauguro una nuova tipologia di post, quella sui libri dei bambini. Con Occhiblu e la Bimbona arrabbiona alias "crucchetta" abbiamo letti un numero imprecisato e mi piace tenerne nota e consigliare i migliori ai moltissimi lettori di questo blog.

Voglio cominciare con "Nocedicocco Draghetto Avventuroso", che vale sicuramente una lettura. 


Titolo: Nocedicocco Draghetto Avventuroso
Autore: Ingo Siegner 
Casa Editrice: Einaudi Ragazzi
Età consigliata: Dai 5 Anni
Pagine 257
Prezzo:14.90 


Come si insegnano valori quali il coraggio, l'amicizia, l'altruismo, la tolleranza e la volontà di scoprire cose nuove? Parlandone certo, citando esempi, ma anche leggendo storie in cui questi valori siano affrontati indirettamente, storie avvincenti in cui ci si possa ritrovare nei personaggi. Nocedicocco draghetto Avventuroso è una di queste. 

Il libro è una raccolta di tre libri dello stesso autore: Nocedicocco draghetto sputafuoco, Nocedicocco ed il grande mago, Nocedicocco vola alla festa.  

Nocedicocco è cucciolo di drago, un draghetto sputafuoco a cui piacciono tremendamente le noci di cocco arrostite, come tutti i cuccioli, dovrà affrontare le sfide che la vita gli propone. Saprà farlo mostrando sempre un certo ottimismo ed una straordinaria apertura verso il mondo che lo circonda. Il libro è ricco di illustrazioni dell'autore di cui i bambini vanno matti. 

Valutazione della Bimbona arrabbiona (7 anni): mi piace perchè è coraggioso e avventuroso, soprattutto mi piace la storia con il mostro puzzone.

Valutazione di Occhiblu (5 anni): mi piace quando Nocedicocco va con quella cosa bianca....(il capodoglio) e prende i legnetti. 


Il libro è presente nel circuito biblioteche di Roma




Monday, January 21, 2013

L'uomo che piantava gli alberi

Questo post nasce da una discussione avuta su facebook qualche giorno fa.

Ho pubblicato un post realtivo ad uno studio NASA sulla situazione del clima. Lo studio è molto istruttivo su quanto sia disperata la situazione climatica in corso.
So che ci sono teorie negazioniste e so che la maggior parte dei climatologi non ha ancora saputo farsi sentire.
So anche però che molti di noi se ne fottono ampiamente. (per usare un eufemismo).
Non è il caso di Andrea, il mio interlocutore su facebook che so essere una persona molto attenta a questi temi.
E la discussione è nata proprio perchè ho colto una sua esasperazione sfiduciata, se pure lui molla stiamo siamo alla frutta ho pensato.

Questo post quindi è per ribadire che nel suo piccolo ognuno di noi può e DEVE fare qualcosa. Non ci si deve nascondere dietro alle futili motivazioni che tanto non cambia nulla.

                                 NON E' COSI'  


E' vero che alcuni governi se ne fregano e molte imprese fanno di tutto per speculare sul tema. E' però anche vero che dobbiamo uscire dal provincialismo e dall miopia propri del nostro paese e cominciare a pensare che le attività virtuose sono anche economicamente redditizie.

Mi ricordo a tal proposito una frase di un nostro ex presidente del consiglio che diceva che occuparsi di ambiente in tempi di crisi è come andare dal parrucchiere quando si ha la polmonite. Ecco niente di più miope e falso. Occuparsi di ambiente da parte di un governo è  assolutamente economico ed in alcuni casi molto redditizio.

In famiglia, le cose che si possono fare sono tante e forse un giorno  farò un post su quelle su cui si diletta la mia  in tema di rifiuti, sprechi, consumo critico, socialità ed altro.

Per il momento  allego un video di una storia molto poetica (un racconto di Jean Giono)

 Il video pur avendo ricevuto un premio oscar come migliore cortometraggio di animazione è lento ed all'inizio un po' noioso, tuttavia se si ha la pazienza di guardarlo fino alla fine si è senz'altro ricompensati. (Almeno questo è quello che è successo a me).



Thursday, January 17, 2013

Sogno

E' incredibile come il mio soggiorno di due anni a Parigi ancora mi condizioni profondamente.

Ho fatto un sogno recentemente.
Mi capita di sognare sempre meno, non so perchè.
Ho incontrato una collega di Milano molto carina, stavamo discutendo di problemi lavorativi quando la discussione ha preso una piega molto personale. Mi raccontava di essersi lasciata con il marito e di aver cominciato a vivere da sola.
Da lì a cominciare a flirtrare è stato un attimo (lo so lo so sono sposato con prole...ma almeno nei sogni potrò prendermi qualche libertà?)
Insomma parlavo di cose interessanti ed ogni tanto le mollavo qualche battutina allusiva. Niente di pesante non è nel mio stile, ero molto lento ma anche molto efficace (o almeno così mi sembrava).

Lei sembrava interessata e ricambiava. Fra noi si era indubbiamente creata una certa intimità.

Mentre parlavo è arrivato un collega tedesco (uno di quelli del progetto parigino), bello, affascinante, giovane e modaiolo insomma uno da uccidere.
Come prima cosa le ha messo una mano sulle cosce (lei portava una minigonna) così tanto per ambientarsi.

Lei sembrava stranamente non a disagio, anzi per dire la verità mentre io stavo ancora dicendo qualcosa di molto intelligente, ha cominciato ad annusargli il collo gli ha aperto la camicia ed ha comiciato a baciarlo sul petto.
Non mi è restato  che aggiungere l'ultima cosa interessante ed andarmene con la coda fra le gambe....


Non lo so.
Ripensandoci, mi ricorda molto questo.


Monday, January 14, 2013

Costa Concordia un anno dopo



Stamattina alla radio sentivo un'intervista al Ministro dell'ambiente Corrado Clini.
Interrogato dal conduttore radiofonico sul fatto che Schettino abbia ulteriormente deteriorato la già precaria immagine degli italiani all'estero, il ministro risponde invitando i mass media a smetterla di metterla in questi termini concentrandosi invece su quanto fatto dall'Italia a in tema di prevenzione e cura della zona a disastro accaduto.
A me sembra che il relitto sia ancora lì e che ad esempio nellalaguna di Venezia  i traghetti abbiano ancora libero accesso.
Riflettevo sull'operato degli ultimi ministri dell'ambiente,  semplicemente non potrebbero occuparsi di ambiente?


Intanto google maps si è adeguato....